top of page
disegno 4  colori misti.jpg

CONOSCIAMO I COLORI

di Silvana Verduci

 

Colori caldi, colori freddi, colori primari, e altre categorie.

Come riconoscerli?

 

I colori caldi, si sa, sono quelli che ci fanno sudare tanto! Oppure sono quei colori che ci fanno sentire avvolti da un abbraccio rassicurante. E quelli freddi? Brrrr! Che freddo! E quando il cielo è azzurro? Ci sentiamo più tranquilli e di buon umore.

 

I colori sono un argomento molto complesso che ritroviamo in ambiti differenti.

Per fortuna molti studiosi ci hanno lasciato una ricca letteratura che ci aiuta a comprendere e ad approfondire le caratteristiche dei colori. Tra questi J. Itten, dal suo libro Arte del colore è tratta la tavola del cerchio cromatico (fig.1).

fig.1  Foto dal web

cerchio-di-Itten.jpg
334145509_180310054763249_3365720559718189905_n.jpg
334114952_752162649630666_8520438371871900769_n.jpg

fig.2

fig.3

I colori ci emozionano.  La scienza dei colori ci può aiutare a scegliere le combinazioni più adeguate per suscitare sensazioni ben precise.

 

Forme e abbinamenti di colori se ben equilibrati, riescono ad esaltare e a valorizzare ciascun colore.

Quando indossiamo un pantalone e un pullover, a volte l'abbinamento ci rende perplessi, e diciamo “non stanno bene”, accade anche quando coloriamo i nostri disegni.

 

CERCHIAMO I COLORI

Per i bambini la prima esperienza dovrebbe essere l’osservazione in natura di fiori, piante, animali, ecc. È la più ricca biblioteca cromatica a loro disposizione, anzi, di tutti noi.

La conoscenza dei bambini si arricchisce dal confronto con i materiali, i primi esperimenti di collage materici e policromi, oppure con i colori estratti dai vegetali e da alcuni alimenti.

A volte i colori “spariscono” e non possiamo più vederli, accade di notte o in qualsiasi altra situazione in cui si verifica l’assenza di luce. Ma a distinguere i colori a volte lo stimolo esterno della luce non basta, dipende dai recettori dell’occhio e dal nostro sistema neurocerebrale. Insomma, è molto complicato.

 

Iniziamo osservando i colori del cerchio cromatico per scoprire quali sono:

I colori primari

I colori secondari

I colori terziari

I colori complementari

I colori caldi

I colori freddi

I colori acromatici

 

I colori primari sono tre, vengono definiti in questo modo perché non possono essere riprodotti dalla combinazione di altri colori. I colori primari non sono tutti uguali, cambiano infatti in base al campo professionale in cui operiamo, per cui abbiamo:

 

per la pittura

Rosso, Giallo, Blu.

 

per la stampa

Magenta, Giallo, Ciano.

I colori secondari sono tre, si ottengono mescolando ciascuna coppia di primari (es. giallo+rosso) in parti uguali.

COLORI PRIMARI copia.jpg
combinazione colori copia.jpg

I colori terziari sono sei, si ottengono mescolando in parti uguali un colore primario e un colore secondario.

tabella colori secondari ecc. copia.jpg

I colori complementari sono le tonalità che sul cerchio cromatico (vedi fig.1) si trovano agli opposti, esempio: giallo-viola, verde scuro-rosso.

I colori complementari creano i contrasti più forti. Se mescolati tra loro, danno origine a tonalità di grigio.

 

  • Il complementare di un colore primario è un colore secondario.

  • Il complementare di un colore secondario è un colore primario.

  • Il complementare di un colore terziario è un altro colore terziario.

 

I colori caldi sono quelli che contengono il rosso, il giallo e l’arancio.

 

I colori freddi sono quelli che contengono il blu.

 

Tutti i colori possono dare la percezione di essere più caldi o più freddi quando sono più vicini a tonalità calde o fredde.

 

I colori acromatici sono il bianco, il nero e i grigi.

 

 

Ed ora divertiamoci a colorare!

Per iniziare a sperimentare insieme ai bambini puoi scaricare il disegno del paesaggio da me preparato. È in fondo alla pagina.

 

Primo esercizio. Coloriamo il paesaggio solo con i colori primari.

N.B. Ti accorgerai che colorare solo con tre tonalità senza mescolarle tra loro, non è semplice come potrebbe sembrare, soprattutto se il disegno ha molti dettagli. Nel disegno successivo ho utilizzato i colori primari e ho aggiunto alcune gradazioni più chiare, due di giallo e due di blu.

Il colore più chiaro per lo sfondo (il giallo limone) rende di più la profondità rispetto ad un colore più scuro. Prova anche tu a fare diverse combinazioni con gli stessi colori.

 

Secondo esercizio. Coloriamo il paesaggio con i colori primari e i colori secondari.

PRIMARI CON LOGO.jpg
PRIMARI 2 CON LOGO.jpg
PRIMARI E SECONDARI LOGO.jpg

Terzo esercizio. Coloriamo il paesaggio solo con i colori caldi.

N.B. I numeri corrispondono alla tabella riassuntiva dei colori caldi e freddi.

CALDI CON LOGO.jpg
colori caldi freddi e acromatici.jpg

Quarto esercizio. Coloriamo il paesaggio solo con i colori freddi.

FREDDI CON LOGO.jpg

Quinto esercizio. Coloriamo il paesaggio solo con i colori acromatici.

ACROMATICI CON LOGO.jpg

Sesto esercizio. Coloriamo il paesaggio con colori acromatici e colori freddi.

FREDDI E ACROMATICI LOGO.jpg

Sesto esercizio. Coloriamo il paesaggio con colori acromatici e colori caldi.

ACROMATICI E CALDI LOGO.jpg

Scarica e stampa il disegno da colorare. Clicca sul file PDF.

Fai sperimentare ai bambini cambiando tipo di strumenti per la colorazione: pastelli a cera, tempere o collage di cartoncini.

Se vuoi condividere il percorso realizzato con la classe o con i tuoi figli, inviami le foto all’indirizzo: info@bottegadelracconto.it

Gli elaborati verranno pubblicati sul sito di Bottega del Racconto – Arti e Libri e/o sui canali social. Oscura i volti, oppure fotografa solo i disegni specificando la classe, la scuola, l’insegnante, e info riguardo il percorso.

 

 

 

Tutti i diritti sono riservati

Qualsiasi riproduzione,

anche parziale, senza autorizzazione è vietata.

Articolo 171 Legge sulla protezione del diritto d'autore

L. 22 aprile 1941, n. 633

bottom of page